Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / L'ENTE
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Il Territorio

sequenze di paesaggi della Bergamasca


Mappe in 2D e 3D...
Mappa di Bergamo

Come arrivare
Dove alloggiare
Galleria fotograficamappa

La provincia in cifre

  • Superficie: 2.722,86 kmq
  • Abitanti: 1.109.615 (fonte Istat dato 31.11.2016)
  • Densità:  404,09 abitanti kmq
  • Targa: BG
  • CAP: 24000-24100
  • Codice ISTAT: 016
  • Prefisso telefonico: 035, 0345, 0346, 0363, 02, 030

La provincia di Bergamo con i suoi 1.108.298​ abitanti è tra le poche province italiane con tasso demografico attivo. Ha un sistema industriale solido ed è aperta sull'Europa e sul mondo con un export che la colloca tra le prime quattro zone nel quadro nazionale.

Bergamo è per estensione la quarta provincia della Lombardia. Delimitato da due grandi fiumi che scendono paralleli - l'Oglio a est, l'Adda a ovest - chiuso a nord dalle Alpi Orobie, aperto verso la grande pianura a sud, il territorio di Bergamo si definisce in un sapiente progetto di organizzazione dello spazio.

Anche il flusso delle acque e dei traffici segue un'occulata regia: dalle valli operose l'energia vitale confluisce nella conurbazione di Bergamo e da lì alla metropoli di Milano.
Lavoro e fede segnano il paesaggio e la cultura locale: nei boschi i segni delle antiche "carbonaie", lungo fiumi e torrenti le tracce dell'archeologia industriale. Nelle chiese - anche le più sperdute - la comunità diacronica si esprime in splendida "mobilia" lignea e organi magistralmente assemblati.

Lo sviluppo degli ultimi 40 anni ha portato la Città capoluogo al centro di una conurbazione di oltre 350.000 abitanti formalmente ripartiti in 34 comuni: un terzo della popolazione della provincia è concentrato nella ridotta area metropolitana.

Il settore industriale rappresenta il 53% delle attività; al suo interno il comparto maggiore è l'edilizia (15%), seguito dalla meccanica, dal tessile, dall'abbigliamento e dal chimico - plastico. Il settore terziario raccoglie il 44% dell'economia provinciale, mentre le attività agricole non superano il 3%. Nell'area metropolitana cresce la presenza del terziario che occupa il 70% delle attività tra pubblico impiego, distribuzione e servizi alle imprese.

Il reddito e la quantità di risparmio medio pro capite sono costantemente tra i più alti d'Italia.

Continua a leggere