Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Istruzione Formazione e Lavoro / Lavoro / Collocamento mirato disabili
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Le domande più frequenti - lavoratori disabili


Ho avuto il riconoscimento di disabilità e vorrei iscrivermi nelle liste speciali, dove devo recarmi?

Per poter effettuare l'iscrizione può recarsi presso il Centro per l'Impiego più vicino alla propria residenza o domicilio oppure presso l'Ufficio Collocamento Mirato Disabili, dichiarare lo stato di disoccupazione e presentare i documenti necessari all'iscrizione. L'operatore provvederà alla valutazione della documentazione presentata e alla contestuale iscrizione.


Che documenti devo presentare per l'iscrizione nelle liste del collocamento mirato?

Per potersi iscrivere servono i seguenti documenti:

  • codice fiscale e carta d'identità
  • certificato attestante l'appartenenza alle categorie protette
  • relazione conclusiva (solo per invalidità civile), con parere positivo sulla collocabilità, rilasciata dall'A.S.L., in base all'accertamento L.68/99
  • stato di disoccupazione (autocertificato al momento dell'iscrizione)

Sono un cittadino straniero disabile, ho diritto all'iscrizione nelle liste speciali?

Se proviene da uno Stato appartenente all'Unione Europea, per potersi iscrivere, deve essere in possesso dei requisiti e della documentazione prevista per i cittadini italiani.

Se proviene  da uno Stato non appartenente all'Unione Europea, deve essere in possesso dei requisiti e della documentazione prevista per i cittadini italiani ed avere il permesso di soggiorno valido ed utile ai fini del lavoro.


Sono una persona disabile iscritta nelle liste speciali di un'altra provincia, posso trasferire la mia iscrizione presso il Collocamento mirato di Bergamo?

Per potersi iscrivere nelle liste speciali della Provincia di Bergamo deve avere la residenza o il domicilio sul territorio provinciale. L'iscrizione nelle liste provinciali di Bergamo comporta la cancellazione dell'utente dalle liste della provincia di provenienza.


Sono una persona disabile che sta lavorando. Da qualche tempo ho alcuni problemi con l'azienda, cosa posso fare?

Il lavoratore che ritenesse incompatibile la mansione assegnata rispetto alle proprie condizioni di salute può chiedere al Comitato Tecnico provinciale di esprimere una parere, vincolante per l'azienda, anche in merito ad eventuali mansioni alternative presenti all'interno dell'azienda.

L'Ufficio rimane a disposizione per informazioni relative alle modalità di attivazione della procedura di "accertamento della compatibilità della mansione”.

Nel caso in cui l'inserimento in azienda fosse stato effettuato con l'aiuto di un Servizio (cooperativa sociale, ente di formazione…) può rivolgersi a questo per un eventuale supporto in un percorso di mantenimento.


Sono una persona disabile e ho trovato un'azienda che vorrebbe assumermi, cosa devo fare?

Se è iscritto nelle liste speciali, Lei non deve fare nulla. L'azienda dovrà richiedere il nullaosta all'Ufficio Collocamento Mirato Disabili e, una volta ottenuto, procedere all'assunzione.

Se invece Lei non risulta essere al momento iscritto, deve presentarsi presso il Centro per l'Impiego  o l'Ufficio Collocamento Mirato Disabili e provvedere all'iscrizione presentando il proprio verbale di invalidità e la richiesta di nullaosta del datore di lavoro.

Una volta formalizzata l'iscrizione, l'Ufficio Collocamento Mirato Disabili provvederà al rilascio nel nullaosta finalizzato all'assunzione.


Sono stato dichiarato disabile dopo essere stato assunto, cosa devo fare? Devo dirlo all'azienda?

Lei non ha l'obbligo di informare l'azienda rispetto allo stato di invalidità riconosciuto e l'azienda non ha altresì l'obbligo di farla rientrare nelle categorie protette in forza.
Ciò non toglie che si consiglia vivamente di comunicare all'azienda il proprio stato invalidante, sia perché esiste la possibilità di ottenere eventuali permessi, sia per essere adibiti a mansioni compatibili con il proprio stato di salute.

Se ha un'invalidità civile superiore o uguale al 60% o un'invalidità INAIL superiore o uguale al 34%, può chiedere all'azienda di essere inserito nelle elenco dei disabili in forza.

Se il datore di lavoro è interessato a farlo, dovrà inoltrare opportuna richiesta di computo all'Ufficio Collocamento Mirato Disabili che, una volta verificati i requisiti, provvederà al rilascio dell'autorizzazione al computo nella quota di riserva.


(24.06.2009)