Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Ambiente / Rifiuti
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Miscelazioni: pubblicata la DGR 6 giugno 2012 n. 9/3595

Importanti novità per gli impianti che effettuano attività di miscelazione dei rifiuti

Sul B.U. Lombardia del 13 giugno 2012, n. 24, è stata pubblicata la Delibera di Giunta Regionale del 6 giugno 2012 n. IX/3596 "Nuovi indirizzi tecnici per il rilascio delle autorizzazioni in merito alle attività di miscelazione dei rifiuti, anche in seguito all'emanazione del D.Lgs. n. 205/2010, con contestuale revoca della Delib.G.R. 3 dicembre 2008, n. 8/8571 recante: "Atto di indirizzo alle Province per il rilascio delle autorizzazioni in merito alle attività di miscelazione dei rifiuti"”.

La Delibera, oltre a definire nuovi indirizzi tecnici per il rilascio delle autorizzazioni in merito alle attività di miscelazione dei rifiuti, stabilisce:

  • che alle determinazioni contenute nel provvedimento devono adeguarsi le nuove istanze, e conformarsi le istruttorie in corso per il rilascio di autorizzazioni a nuovi impianti, per i rinnovi o le modifiche di autorizzazioni esistenti, per i riesami di AIA;
  • che, sia le autorizzazioni già rilasciate prima dell'entrata in vigore del D.Lgs. 205/10, sia le istanze presentate ai sensi della Delib.G.R. 8571/08 e la relativa documentazione tecnico progettuale, dovranno essere adeguate su istanza dei soggetti titolari, esclusivamente secondo quanto indicato al paragrafo 8 dell'allegato A al provvedimento. L'aggiornamento del piano di adeguamento predisposto e trasmesso all'autorità competente dovrà limitarsi a tutte le miscele contenenti almeno un rifiuto pericoloso, già autorizzate o previste nell'istanza di adeguamento in istruttoria;
  • il termine di 60 giorni, a far data dalla pubblicazione, per la presentazione dell'aggiornamento del piano di adeguamento, come indicato al paragrafo 8 dell'allegato A al provvedimento, trascorsi infruttuosamente i quali, l'autorità competente dispone la revoca dell'autorizzazione alle attività di miscelazione dei rifiuti che risultino in deroga al divieto di cui all'art. 187 del 152/06;
  • che nelle more dell'approvazione del piano di adeguamento di cui al paragrafo 8 dell'allegato A al provvedimento, e dunque fino all'adeguamento esplicito dell'autorizzazione, non possono essere effettuate miscelazioni in deroga secondo la nuova definizione di cui al D.Lgs. 205/10, a prescindere da quanto indicato nell'autorizzazione;
  • che, alla luce della vigente normativa, possono comunque continuare ad essere effettuate:
  • a)le miscelazioni già autorizzate che siano, per ogni singolo caso, non in deroga ai sensi dell'art. 187 modificato, ossia quelle esclusivamente tra rifiuti non pericolosi e quelle esclusivamente tra rifiuti pericolosi aventi medesime caratteristiche di pericolo secondo l'allegato I al D.Lgs. 152/06 (classi H);
  • b)le miscelazioni indicate nelle autorizzazioni vigenti, comprese quelle rilasciate anche in deroga secondo i disposti normativi vigenti al momento del rilascio, purché rispettino i requisiti di cui al novellato comma 1 dell'art. 187 del D.Lgs. 152/06.

Scarica la versione in pdf

(26.06.2012)