Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Ambiente / Rifiuti
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Recupero rifiuti in Procedura semplificata  non soggette ad AUA

Articoli 214 e 216 del decreto legislativo 152/ 2006, così come modificati dal decreto legislativo 16 gennaio 2008 n.4

La comunicazione di avvio delle attività di recupero rifiuti in regime di procedura semplificata ai sensi del decreto ministeriale 5 febbraio 1998, nonché la comunicazione di rinnovo, deve essere presentata alla Provincia in cui ha sede l'insediamento, competente alla verifica d'ufficio della sussistenza dei presupposti e dei requisiti richiesti.

Si ritiene opportuno ricordare che, come previsto dall'articolo 216 comma 5 del D.Lgs 152/06, le comunicazioni di recupero rifiuti devono essere rinnovate ogni 5 anni. Si invitano le ditte a presentare istanza di rinnovo almeno 90 giorni prima della data di scadenza della propria Comunicazione.

Le ditte che intendono apportare varianti sostanziali in fase di rinnovo (quali, ad esempio, introduzione di nuove tipologie di rifiuti, aumento dei quantitativi, introduzione di nuove operazioni di recupero, ampliamento dell'area dedicata all'attività di recupero rifiuti) dovranno trasmettere due comunicazioni separate:

  1. comunicazione di rinnovo tal quale
  2. e comunicazione ex novo (espletando nei casi previsti la verifica di assoggettabilità al VIA ai sensi dell'articolo 20 del D.Lgs. 152/2006) per le varianti.

Modulistica di riferimento per la presentazione della Comunicazione di avvio o di rinnovo dell'attività di recupero dei rifiuti

Si ricorda inoltre che con decreto ministeriale 5 aprile 2006 n. 186 (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 115 del 19 maggio 2006 - serie generale) sono state introdotte importanti modifiche al decreto ministeriale 5 febbraio 1998, relativo all'individuazione dei rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero ai sensi degli articoli 214 e 216 del D.Lgs. 152/2006.

In particolare:

  • sono fissate quantità massime di rifiuti non pericolosi che possono essere annualmente sottoposti a messa in riserva e recupero presso gli impianti sottoposti alle procedure semplificate (allegato 4);
  • sono stabilite le norme tecniche generali per gli impianti che effettuano operazioni di messa in riserva e recupero di rifiuti non pericolosi (allegato 5).

Nel caso di attività soggette ad AUA si rimanda alla sezione specifica


Diritto di iscrizione annuale

Per la tenuta del registro di cui all'articolo 216, comma 3, e per l'effettuazione dei controlli periodici, l'interessato e' tenuto a versare alla Provincia il diritto di iscrizione annuale previsto da Decreto del Ministro dell'ambiente 21 luglio 1998, n.350.

Il pagamento dovrà essere effettuato:
  • contestualmente alla presentazione della prima comunicazione
  • entro il 30 aprile di ogni anno successivo

tramite versamento su conto corrente postale numero 46379731 (Codice IBAN IT68P0760111100000046379731), utilizzando un bollettino a tre cedole, intestato a "AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI BERGAMO - SERVIZIO TESORERIA" e dovrà obbligatoriamente riportare nella causale i seguenti elementi:

  • dicitura Diritto di iscrizione annuale per attività di recupero ai sensi dell'art. 216 del D.Lgs. 152/2006 - anno _______________
  • denominazione e sede legale della ditta e insediamento produttivo (se diverso da sede legale)
  • partita IVA e codice fiscale.

Per eventuali ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al servizio Rifiuti della Provincia di Bergamo ai numeri 035/ 387.562- 559- 566.

(03.03.2011)