Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Siti tematici / D.A.I.S.S.I.L.
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

D.A.I.S.S.I.L.
Documento Daissil
Capitolo I
Capitolo II
Capitolo III
Capitolo IV
Fonti bibliografiche

D.A.I.S.S.I.L.

logo Daissil

Documento di analisi e indirizzo per lo sviluppo del sistema industriale lombardo
segreteria.attivitaproduttive@provincia.bergamo.it

Il "Documento di analisi e indirizzo per lo sviluppo del sistema industriale lombardo" - D.A.I.S.S.I.L., con riferimento al territorio della provincia di Bergamo, è un documento analitico e programmatico che identifica, in un quadro pianificatorio, le misure più adeguate a sostenere lo sviluppo e la competitività delle imprese e del territorio provinciale bergamasco.

Vai alla pagina con le indicazioni per ricevere una copia della documentazione

Vai al primo aggiornamento D.A.I.S.S.I.L. - Marzo 2009

Secondo aggiornamento D.A.I.S.S.I.L. - Novembre 2010
(in attesa di pubblicazione)

La sua redazione è stata curata dal "Tavolo di Progetto” istituito dalla Provincia di Bergamo e dalla Camera di Commercio di Bergamo e cofinanziata dalla Regione Lombardia - Industria, PMI, Cooperazione.

Nella definizione delle aree tematiche in cui si declina l'obiettivo finale di promozione della competitività territoriale e, dunque, nell'identificazione dei macro-obiettivi strategici di sviluppo il Piano è in sintonia con la Legge Regionale n. 1/2007 "Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Lombardia”.

Il documento di analisi

Il Documento, alla cui redazione hanno contribuito esperti che si sono relazionati con i molteplici attori del sistema produttivo bergamasco, si struttura in quattro capitoli la cui successione riflette la scansione cronologica e metodologica delle fasi di lavoro:

  • Capitolo primo

    il primo capitolo propone un'analisi descrittiva della morfologia del sistema produttivo bergamasco, integrandola con l'approfondimento di tematiche trasversali chiave in rapporto allo sviluppo competitivo del territorio (mercato e internazionalizzazione, ricerca e innovazione, sviluppo del capitale umano, gestione delle crisi aziendali, imprenditorialità, competitività del territorio e sostenibilità dello sviluppo) e con focus analitico-interpretativi mirati concernenti problematiche e dinamiche territoriali di particolare interesse strutturale e programmatico. Il capitolo si conclude con le emergenze descrittive e valutative di un'indagine effettuata su un campione rappresentativo delle imprese bergamasche, con funzione di riscontro alla rilettura critica del contesto di riferimento fornita dall'analisi di cui sopra.
  • Capitolo secondo

    Il secondo capitolo è dedicato all'analisi valutativa delle emergenze descrittive contenute nel capitolo precedente. I contenuti sono identificati ed organizzati secondo il modello e la matrice SWOT di analisi, che consente di focalizzare punti di forza e di debolezza, opportunità e minacce predicabili del sistema locale in rapporto alle sue possibilità di crescita competitiva; in particolare il capitolo propone quadri interpretativo-valutativi per ciascun segmento del sistema produttivo provinciale e per ciascuna area tematica specifica analizzati nelle pagine precedenti.
  • Capitolo terzo

    Il terzo capitolo del Documento, i cui contenuti rappresentano la rielaborazione in chiave proiettiva delle emergenze delle sessioni di analisi e valutazione, contiene la programmazione strategico-attuativa per lo sviluppo della competitività del sistema produttivo provinciale, in sintonia con le altre programmazioni locali di rilevanza e articolata in indirizzi, obiettivi e priorità attuative relativi ai macro-settori di produzione, nonchè alle leve trasversali e specifiche per la competitività di sistema oggetto di approfondimento nei capitoli precedenti. La terza parte si conclude con l'identificazione di un primo nucleo di 22 ipotesi progettuali massimamente coerenti con il quadro programmatico fornendo, per ciascuno degli interventi pianificati, una tavola sinottica dei legami di coerenza con l'analisi valutativa e con le traiettorie programmatiche ed una tavola attributiva di punteggio specifico, previa esplicitazione degli indicatori di rilevanza utilizzati.
    Nel suo complesso il capitolo terzo è sostanzialmente teso ad offrire alla programmazione economico-finanziaria regionale indirizzi specifici, congruamente supportati da uno strumento conoscitivo ed interpretativo della realtà territoriale di Bergamo.
  • Capitolo quarto

    Il quarto capitolo, infine, contiene la prefigurazione degli strumenti tesi a favorire l'effettiva attuazione degli indirizzi, delle priorità e degli interventi indicati. Tali strumenti si specificano nell' "Osservatorio per lo Sviluppo delle Attività Produttive” della provincia di Bergamo, finalizzato alla propulsione, al monitoraggio, alla valutazione degli interventi realizzati in chiave sistemica ed a favorirne la divulgazione, e nelle "azioni di sistema” a supporto dell'attività propulsiva dell'Osservatorio stesso.
    Vai al documento
  • Fonti bibliografiche e allegati

    Il Documento si chiude con la presentazione dell'apparato bibliografico e delle fonti utilizzate (parte quinta) e con una serie di allegati (parte sesta) ai quali si rimanda nel corpus del Piano: strumenti di indagine utilizzati, mappature territoriali, tavole progettuali e il rapporto sulla partecipazione degli attori del territorio alla realizzazione del lavoro.

In conclusione, come si evince dai contenuti della parte quarta dedicati agli sviluppi futuri e concreti del Piano, è fondamentale ricordare che il Daissil non si esaurisce in quanto sin qui prodotto ponendosi invece come documento aperto e dinamico.
Nato dal confronto con il mondo produttivo, le parti sociali e gli enti territoriali, il Daissil viene offerto all'attenzione dei medesimi per il suo continuo aggiornamento e per la definizione congiunta delle sue dinamiche specifiche di attuazione in forza, prioritariamente, dell'attività dell'Osservatorio sopra richiamato e degli strumenti che esso porrà in essere.


(22.12.2010)