Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Ambiente / Servizio Ambiente / GPP / PAN GPP
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

PAN GPP

foglia verde stilizzata con scritta nera GPP Green Pubilc Procurement

La Commissione europea, nella comunicazione 2003/302 sulla Politica integrata dei prodotti - Sviluppare il concetto di "ciclo di vita ambientale”, ha fissato l'obiettivo di incoraggiare "….gli Stati membri a dotarsi di piani d'azione accessibili al pubblico per l'integrazione delle esigenze ambientali negli appalti pubblici” e ha successivamente emanato Linee guida specifiche per la redazione dei Piani d'azione nazionali sul GPP.

La legge 27 dicembre 2006 numero 296 (Finanziaria 2007) ha previsto all'articolo 1 comma 1126: << …l'attuazione e il monitoraggio di un "Piano d'azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione”, predisposto dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di concerto con i Ministri dell'Economia e Finanze e dello Sviluppo Economico …>>.

Il Piano d'azione nazionale sul GPP - PAN GPP, approvato con Decreto Interministeriale n. 135 dell'11 aprile 2008, delinea la strategia per la diffusione del Green Public Procurement , le categorie merceologiche, gli obiettivi ambientali di riferimento qualitativi e quantitativi da raggiungere, gli aspetti metodologici generali.

Il PAN ha l'obiettivo di promuovere la diffusione del GPP presso gli Enti pubblici e intende favorire le condizioni necessarie per far sì che il GPP possa dispiegare in pieno le sue potenzialità come strumento per il miglioramento ambientale.

Vai al sito del Ministero dell'Ambiente

Il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con nota del 15 maggio 2013, ha informato dell'avvenuta revisione del PAN GPP (D.M. 10 aprile 2013) e dell'aggiornamento 2013 dei Criteri Ambientali Minimi per l'Acquisto di carta per copia e carta grafica (D.M. 4 aprile 2013), invitando le Amministrazioni in indirizzo a "voler dare attuazione al PAN GPP, applicando i Criteri Ambientali Minimi nelle proprie procedure di acquisto, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi ambientali fissati dalla Unione Europea e dalla normativa italiana vigente".

Diventa pertanto più che mai attuale il tema del GPP all'interno degli Enti pubblici per il raggiungimento degli obiettivi ambientali individuati a livello nazionale. Nello specifico, la Revisione del PAN GPP fissa il 50% di "acquisti verdi" quale obiettivo per il 2014, per le categorie per le quali siano stati definiti i "Criteri ambientali minimi".