Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in:
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Cartella con antica carta geografica

Immagine di antica carta geograficaCARTELLA CON ANTICA CARTA GEOGRAFICA DI GIACOMO GASTALDI
BERGAMO, 2003

Consegniamo con vivo piacere ai bergamaschi una rara e preziosa riproduzione cartografica, esito degli studi cinquecenteschi del cosmografo della Repubblica di Venezia Giacomo Gastaldi.

Particolare emozione procura le lettura della carta per quanto riguarda gli ambiti territoriali che ci riguardano più da vicino. Alla suggestione che il disegno di monti, fiumi e laghi sa restituire, si accompagna l'interesse per gli aspetti toponomastici che talvolta ci inducono a scoprire i nomi dei nostri paesi nella loro dizione originale. 
(dalla Presentazione)

Giacomo Gastaldi è uno dei più grandi cartografi del Cinquecento e la sua importanza continua a crescere a mano a mano che le sue opere vengono studiate. Nasce in Piemonte alla fine del Quattrocento o all'inizio del Cinquecento. La sua prima carta appare nel 1554 e successivamente viene ricordato come "Cosmografo della Repubblica di Venezia". Infatti il Consiglio dei Dieci della Repubblica veneta si riferisce a lui come "Mastro Giacomo di Piemonte il nostro Cosmografo".
Questa carta eccezionale rappresenta qualcosa di estremamente importante nella storia della cartografia lombarda e per quella che riguarda la Bergamasca. Le grandi dimensioni della "Nuova descrizione della Lombardia" consentono una lettura attenta dei particolari e i grandi spazi consentono al cartografo una ricchezza di toponimi quali non si era mai visti prima. La carta che viene qui presentata rappresenta il foglio centrale della grande carta della Lombardia, che è composta di due altri fogli, uno a destra e uno a sinistra di quello presentato. Della grande carta della Lombardia sono giunti a noi solo tre esemplari e quello che vi presentiamo è una quarta copia, stampata, non sappiamo perché, come foglio a sé stante.

Pubblicazione esaurita