Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Siti tematici / Progetto FABER
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

PROGETTO FABER
Presentazione
Attività
Comuni coinvolti
Risorse e download
Contatti
Link istituzionali

Il Progetto FABER - Funding Action in Bergamo for Emission Reduction, promosso dalla Provincia di Bergamo e supportato dallo strumento di finanziamento ELENA BEI, è finalizzato alla riqualificazione energetica degli edifici e della la pubblica illuminazione dei Comuni aderenti e alla realizzazione di piccole reti di teleriscaldamento a biomassa legnosa.

In primo piano

Aggiudicato il servizio di diagnosi energetica degli edifici pubblici comunali

Sono stati aggiudicati a Alens Srl, Sidoti Engineering srl, Studio Tecnico ing. Indino Aurora, Ecobioservice Srl e Ing. Giuseppe Perillo i 5 lotti del servizio di diagnosi energetica degli edifici pubblici comunali di 165 edifici presenti in 59 Comuni.

Aggiudicato il servizio di censimento degli impianti di pubblica illuminazione comunali

E' stato aggiudicato a RESTART PROGETTI STUDIO TECNICO ASSOCIATO il Servizio Tecnico di Censimento degli Impianti di Pubblica Illuminazione di 34 Comuni, per entrambi i lotti.

Il ruolo delle ESCo nel Progetto FABER della Provincia di Bergamo

Articolo di approfondimento riguardante la funzione centrale delle società di servizi energetici nell'ambito dei programmi di efficientamento territoriali imperniati sul supporto tecnico e sui meccanismi virtuosi dello strumento europeo di finanziamento ELENA BEI.



Archivio focus »

Focus Efficienza Energetica

Industria 4.0, mobilità sostenibile e smart communities, online bando per la ricerca da 10 milioni di euro
Pubblicato il nuovo bando del Ministero dell'Istruzione, dell'università e della ricerca (Miur) per progetti di ricerca universitari e di altri enti in ambito industriale, con lo scopo di verificare il potenziale nazionale innovativo delle idee e delle conoscenze sviluppate nell'ambito del "Proof of concept”. A disposizione ci sono10 milioni di euro nell'ambito dell'attuazione del Programma nazionale per la ricerca. Le domande potranno essere presentate entro il 5 luglio prossimo e potranno partecipare docenti, ricercatrici e ricercatori, nonché personale degli enti. I progetti dovranno essere attinenti alle tematiche delle12 Aree della Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente (SNSI).

Camion, il piano Ue per il taglio delle emissioni di C02
La Commissione europea ha presentato a Bruxelles un nuovo pacchetto di misure per rendere più sicuro e meno inquinante il parco di veicoli pesanti. Le proposte, che andranno approvate dal Parlamento e dal Consiglio, sono il tentativo di modernizzare il sistema di trasporto su strada nell'Unione europea. Tra i punti principali  della Commissione troviamo la proposta che i nuovi modelli di veicoli siano dotati di meccanismi di sicurezza,  l'adozione (per la prima volta) di obiettivi di Co2 per i mezzi pesanti e il miglioramento della connettività nel trasporto su strada.

Le case popolari? A Vienna sono green
La città di Vienna è l'ente pubblico con la più grande proprietà immobiliare d'Europa, 220mila appartamenti; una eredità che ora si sta cercando in trasformare in senso ambientalista, ristrutturando e costruendo edifici ad alto risparmio energetico. Sono stati costruiti edifici con appartamenti di piccola taglia come gli SMART flats, destinati a singoli o a coppie, che evitando gli «sprechi di metri quadri» garantiscono la massima efficienza energetica, ma anche appartamenti di taglia maggiore. E si è puntato molto sul legno, costruendo con questo materiale edifici alti fino a sette piani. Poi ci sono spazi comuni per la socializzazione, infrastrutture per la ciclabilità, palestre, piscine.

Efficienza energetica e rinnovabili, l'Unione Europea può fare meglio
L'Unione Europea potrebbe fare meglio degli obiettivi che si è posta in termini di efficienza energetica e di energia prodotta da fonti rinnovabili per arrivare a soddisfare l'Accordo di Parigi. Lo afferma lo studio dal titolo "The Eu can increase its climate targets to be in line with a global 1.5°C target”, realizzato da Climact e dal New Climate Institute, e commissionato dalla European Climate Foundation e dalla ClimateWorks Foundation. Dati e analisi suffragano l'idea che l'Unione Europa possa andare ben oltre i suoi attuali impegni in termini di riduzioni dei gas serra, e per riuscirci è basilare applicare a livello europeo le buone pratiche adottate in vari Stati membri tra cui Paesi Bassi, Danimarca, Regno Unito, Germania e Norvegia. Intanto però occorre dare un forte sostegno delle politiche a favore delle energie rinnovabili e a una più rapida uscita dal carbone.



The sole responsibility for the content of this project website lies with the authors. It does not necessarily reflect the opinion of the European Union. Neither the European Investment Bank nor the European Commission are responsible for any use that may be made of the information contained therein.