Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Ambiente
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Il torrente Morla. Caratteri, valori prospettive

copertina pubblicazione. Foto panoramvica lago IseoIL TORRENTE MORLA. CARATTERI, VALORI, PROSPETTIVE
Formato cm 21 x 29,7
112 pagine a colori
Saggi di: Lelio Pagani, Andrea Tosi, Moris Lorenzi, Gian Pietro Armanni, Fabrizio Conti, Renato Ferlinghetti, Fulvio Caronni, Silvano Ceresoli, Mario Di Fidio, Claudio Merati, Piervincenzo Scalpelli, Stefano Stecchetti, Graziano Vitali
Immagini di: Archivio Università degli Studi di Bergamo - CST, Moris Lorenzi
Stampato nel mese di settembre 2007.  Bergamo Unuversity Press - Sestante Edizioni

La pubblicazione è disponibile al costo di   16,00 euro presso l'Università degli Studi di Bergamo - Centro Studi sul Territorio "L. Pagani” - Piazza Vecchia 1, 24129 Bergamo, telefono 035-2052411, fax 0363-2052431, eMail: cst@unibg.ithttp://www.unibg.it

Il volume, realizzato dall'Università degli Studi di Bergamo - Centro Studi sul Territorio "L. Pagani” in collaborazione con la Provincia di Bergamo - Servizio Aree Protette e fa il punto della situazione sul torrente Morla in rapporto sia ai caratteri del paesaggio sia in prospettiva di interventi di riqualificazione che ne valorizzino il ruolo.
I saggi ivi contenuti riprendono i contributi di un incontro svoltosi il 12 giugno 1998 sotto forma di seminario presso l'Università di Bergamo integrandoli rispetto alla situazione attuale.
In particolare, il saggio di Lelio Pagani introduce il tema della Morla nel paesaggio bergamasco fornendo riferimenti storici e geografici per le diverse sezioni del suo corso (di monte, urbana, di piano); Moris Lorenzi traccia un quadro ricognitivo dell'attuale situazione del torrente ponendo in evidenza i rapporti con il contesto più vicino dal punto di vista urbanistico e paesistico.
I saggi di Gian Pietro Armanni e Fabrizio Conti tracciano un profilo idrologico e idrogeologico del corso d'acqua mentre Renato Ferlinghetti pone in evidenza gli aspetti naturalistici presenti, in riferimento anche al tema della rete ecologica. Andrea Tosi pone lo sguardo sugli aspetti del degrado e sulle possibilità di recupero, fornendo interessanti suggestioni e suggerimenti per un percorso di rivitalizzazione del corso d'acqua.
I saggi finali, infine, contengono il punto di vista delle autorità idrauliche, degli enti locali e dei gruppi e delle associazioni.

(07.02.2008)