Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Progetto FABER, la Provincia firma il contratto con la Bei

Il presidente della Provincia Matteo Rossi ha firmato il contratto con la Bei (Banca europea per gli investimenti) per l'assistenza tecnica ai Comuni aderenti al progetto FABER ("Funding action in Bergamo for Emission Reduction”), nell'ambito del Patto dei Sindaci.

Il contratto prevede un finanziamento di 1.330.000 euro (per una spesa complessiva di Euro 1.478.000, di cui il 10% a carico dell'ente di via Tasso), che consentirà di accompagnare 124 Comuni nella realizzazione dei progetti e nell'accesso ai finanziamenti europei per la realizzazione di una serie di interventi volti al risparmio energetico e alla riduzione di emissioni inquinanti. Si tratta investimenti per un budget complessivo di 54 milioni di euro, di cui 34 per la riqualificazione di edifici pubblici, 11 per di efficientamento della pubblica illuminazione e 9 per la realizzazione di piccole reti di teleriscaldamento.

"Un passo avanti sulla strada del Patto dei Sindaci - commenta Rossi - per la green economy e la riqualificazione energetica che interessa gran parte del territorio bergamasco e che entrerà nel vivo nel prossimo autunno”.

In data 20 agosto 2015, la Bei (Banca europea investimenti) ha comunicato di aver controfirmato il contratto in data 19 agosto 2015, che è quindi la data di formale avvio del progetto.

Ad oggi su 242 Comuni bergamaschi sono 217 quelli che hanno aderito al Patto dei Sindaci, di cui 185 avvalendosi del supporto della Provincia; 124 Comuni sono stati coinvolti nel progetto FABER e stanno quindi per passare alla fase operativa, quella dell'ottenimento dei finanziamenti per poter concretizzare gli interventi in tema di risparmio energetico e utilizzo fonti rinnovabili.

Il Patto dei Sindaci: un po' di cronistoria

Cosa è

Il Covenant of Majors (Patto dei Sindaci) viene lanciato il 29 gennaio 2008 nel corso della Settimana europea dell'energia sostenibile: si tratta di un'iniziativa volontaria volta al conseguimento dell'obiettivo del Pacchetto clima adottato dall'Unione Europea. Aderendo al progetto ciascun Comune si impegna a ridurre del 20% le emissioni di CO2 entro il 2020.

La Provincia

Nel 2010 la Provincia entra in gioco per promuovere l'adesione dei Comuni bergamaschi ed aiutarli nel percorso, facendosi riconoscere ufficialmente dall'Unione Europea come "Struttura di Supporto”.

2010 - 2012: i SEAP

Il primo passo per i Comuni che aderiscono al Patto consiste nella stesura dell'inventario di base delle emissioni di CO2 e dei SEAP (PAES in italiano, Piano d'azione per l'energia sostenibile), documento che contiene la programmazione degli interventi necessari per raggiungere l'obiettivo. Nel triennio 2010-2011-2012 la Provincia, e in particolare il Settore Ambiente, ha supportato i Comuni nella partecipazione alle tre edizioni del bando Cariplo "Promuovere la sostenibilità energetica dei Comuni piccoli e medi” per consentire loro di ottenere i finanziamenti necessari per la stesura del SEAP. Nei tre anni sono stati coinvolti 164 Comuni che hanno ottenuto complessivamente finanziamenti per 1.477.500 euro; inoltre nel 2010 la Provincia ha stanziato risorse proprie per 100mila euro per finanziare 12 Comuni che non avevano beneficiato del bando Cariplo, in modo da consentire anche a loro di portare avanti contestualmente il progetto.

Per agevolare il lavoro dei Comuni la Provincia ha inoltre predisposto guide pratiche, organizzato incontri formativi per i tecnici e nel 2012 una serie di eventi di sensibilizzazione sul territorio, accompagnando i Comuni nel percorso di stesura del documento, nonché della sua trasmissione e validazione da parte dei competenti uffici dell'Unione europea.

2013 - 2015: FABER

Una volta conclusa per gran parte dei Comuni la fase di stesura e approvazione del SEAP, la Provincia si è interrogata su come aiutare i Comuni nel reperimento dei finanziamenti e nella realizzazione degli interventi prioritari contenuti nei SEAP. Nasce così il progetto FABER, che l'ente di via Tasso ha realizzato e proposto all'Unione Europea grazie anche a un finanziamento di 50mila euro da parte di Fondazione Cariplo. Dalla presentazione del progetto, avvenuta a luglio 2013, si è aperta la fase di negoziazione con la Bei, che si conclude oggi con la firma del contratto.


Scarica elenco comuni FABER .pdf 76K

(20.08.2015)