Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Taglio del nastro ufficiale della "Centrale concorsi”

info@provincia.bergamo.it

E' la posa della prima pietra dopo un percorso iniziato negli scorsi mesi, quando per la prima volta la Provincia ha mandato una lettera a tutti i Comuni per sondare l'interesse ad aderire a questo nuovo servizio.

Oggi è stata stipulata la prima convenzione per la gestione in forma associata all'esercizio delle funzioni di organizzazione dei concorsi e delle procedure selettive tra la Provincia di Bergamo e i Comuni di Cisano Bergamasco, Cortenuova, Fuipiano Valle Imagna, Isso, Lenna, Oltressenda Alta, Ponte S.Pietro, Ranica, Terno d'Isola, Val Brembilla, Valgoglio.

Il comma 88 dell'articolo unico della legge 7 aprile 2014, n. 56 in tema di riordino degli enti di area vasta prevede che "La provincia può altresì, d'intesa con i comuni, esercitare le funzioni di ..omissis… organizzazione di concorsi e procedure selettive”.

La gestione associata riguarda le procedure di concorsi relativi alle assunzioni di personale con contratto a tempo indeterminato, a tempo pieno o parziale, e anche le assunzioni con contratto di formazione e lavoro.

Restano di esclusiva competenza degli enti aderenti sia la fase che precede l'indizione del concorso (programmazione dei fabbisogni, individuazione delle categorie e del profilo professionale ecc..) sia la fase che segue (quali visita medica, stipula del contratto individuale di lavoro, e ogni altro adempimento inerente e conseguente).

In caso di assunzione mediante "contratto di formazione lavoro” la Provincia, nell'interesse dei Comuni, curerà anche la formazione di base dei neo-assunti, in conformità al progetto approvato.

La convenzione non si applica alle procedure finalizzate alle selezioni del personale con qualifica dirigenziale, nonché alle selezioni indette ai sensi dell'art.90 e 110 del TUEL, alle selezioni per assunzioni a tempo determinato, ed alle assunzioni mediante avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento tenute dai Centri per l'impiego (per le categorie A e B1).

In coerenza con gli atti di programmazione adottati, i Comuni provvederanno a trasmettere alla Provincia la richiesta di avvio della procedura di concorso, unitamente alla dichiarazione di avere proceduto, con esito infruttuoso, all'esperimento della mobilità propedeutica all'indizione del concorso.

La Provincia provvederà, di norma:

  • nel mese di marzo, di ogni anno, a bandire i concorsi le cui richieste siano state trasmesse dai comuni entro il 31/1;
  • nel mese di settembre, di ogni anno, a bandire i concorsi le cui richieste siano state trasmesse dai comuni entro il 31/7.

Per il primo anno di validità dell'accordo i concorsi saranno indetti entro il prossimo mese.

E' facoltà della Provincia provvedere a esperire un unico concorso, distinto per ciascuna categoria e profilo professionale.

In tal caso i concorrenti utilmente collocati in graduatoria, all'uopo interpellati seguendo l'ordine di graduatoria, esprimeranno la propria preferenza tra le diverse sedi messe a concorso.

Completata la procedura di gara, l'Ufficio della Provincia rimetterà agli enti interessati copia del verbale di concorso, e copia delle successive comunicazioni effettuate, ai fini degli atti consequenziali.

La graduatoria degli idonei, potrà essere utilizzata dagli enti, nel cui interesse è stato indetto il concorso, o dagli altri enti aderenti alla presente convenzione, per eventuali successive assunzioni a tempo indeterminato o determinato di pari profilo o categoria professionale, a tempo pieno o parziale.

"L'iniziativa - spiega il segretario generale di Via Tasso Antonio Purcaro - si inserisce, al pari della Stazione unica appaltante, nel novero dei servizi che la Provincia quale "ente di area vasta” si candida a svolgere a supporto dei propri Comuni. Il consiglio provinciale nella seduta di luglio ha manifestato la volontà dell'ente di assumere anche questo nuova funzione. Le risorse umane sono la leva più importante per accompagnare il cambiamento della pubblica amministrazione, sempre più attenta ai bisogni di cittadini, famiglie e imprese. Al tema della formazione del personale che opera negli enti locali, riguardo al quale preme ricordare come la Provincia abbia con successo sostenuto in questi anni con il proprio patrocinio il progetto "Mente Locale” - progetto che ha riscosso il consenso di chi opera negli enti -, si affianca ora quello del reclutamento. In un contesto in cui le norme consentono, di fatto, solo il turn over, la possibilità che si apre di poter concentrare in un unico "luogo” l'assunzione del capitale umano consentirà di sviluppare e consolidare quella rete tra i dipendenti dei comuni, rete sempre più necessaria e che potrà sempre più contribuire a promuovere, specie in un'epoca di scarse risorse finanziarie, la collaborazione tra le strutture amministrative dei 242 Comuni che compongono l'area vasta di Bergamo. Concentrare in un'unica sede la selezione eleverà il livello della selezione stessa e faciliterà anche la vita degli aspiranti dipendenti: è di tutta evidenza che sia preferibile un concorso per trenta posti anziché trenta concorsi da un posto! Confidiamo che nei prossimi mesi altri enti si aggiungono ai primi sottoscrittori, come peraltro già avvenuto con la stazione unica appaltante laddove dai primi 19 enti, abbiamo oggi superato quota settanta”.


 

(04.09.2017)