Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Le Terre dei Baschenis, consegnati attestati ai neoanimatori culturali locali


Concluso il corso di conoscenza del territorio per la formazione di animatori culturali locali
segreteria.cultura@provincia.bergamo.it

Sabato 2 dicembre 2017, con la consegna degli attestati ai partecipanti al corso per animatori culturali locali nel Centro museale di Santa Brigida, si è concuso la prima fase del progetto "Le Terre dei Baschenis. Viaggio nelle valli Averara e Stabina".

Il corso è stato tenuto nel Centro museale di Santa Brigida da esperti del Centro Storico Culturale Valle Brembana e dell'Associazione Guide Giacomo Carrara, in collaborazione con la Cooperativa In Cammino dal 2 ottore al 4 novembre. La risposta da parte della popolazione locale e dei giovani residenti in Val Brembana è stata molto positiva con ben 38 partecipanti, dei quali 34 hanno ricevutol'attestato di frequenza rilasciato dalla Provincia di Bergamo - Settore Welfare, Turismo e Cultura.
Gli animatori culturali locali potranno essere coinvolti nelle iniziative organizzate sul territorio e rivolte sia alla popolazione locale che a visitatori e turisti.

Erano presenti: i Sindaci dei 6 Comuni promotori (Averara, Cassiglio, Cusio, Ornica, Santa Brigida e Valtorta), i rappresentanti della Comunità montana Valle Brembana e della Provincia di Bergamo.

Ingrandisci foto
Ingrandisci foto

Il progetto continua con "Le Terre dei Baschenis 2.0"

L'iniziativa è stata ideata in occasione del 400° anniversario della nascita di Evaristo Baschenis (ultimo prestigioso discendente della dinastia di artisti che hanno dato lustro al territorio bergamasco) per valorizzare il territorio attraverso la conoscenza delle opere dei "frescanti" Baschenis e degli altri importanti maestri delle Valli Averara e Stabina.

Ora parte la seconda fase del progetto, "Le Terre dei Baschenis 2.0", con ulteriori azioni a sostegno della promozione delle risorse artistiche e culturali del territorio:

  • l'organizzazione di iniziative durante il periodo natalizio che coinvolgeranno i neo-animatori culturali locali;
  • la realizzazione di un sito internet dedicato www.leterredeibaschenis.it, sino ad oggi all'interno del sito di Altobrembo, che farà da catalizzatore per la promozione di iniziative e proposte legate al territorio;
  • la gestione e il coordinamento delle attività del gruppo dei neo-animatori culturali locali;
  • l'incentivazione sui canali social di una promozione mirata a far conoscere il progetto e le attività ad esso collegate.

"La seconda fase del progetto completerà quanto realizzato sino ad oggi. Già da subito il gruppo di animatori diventerà operativo proponendosi in occasione delle iniziative organizzate durante le festività natalizie nei paesi di Averara, Ornica, Santa Brigida e Valtorta", dichiara il consigliere delegato alla Cultura della Provincia Alberto Vergalli.

"Il progetto lascia un'eredità concreta per migliorare l'accoglienza turistica in Alta Valle Brembana con un'infrastruttura che rimane: la mappa del territorio delle Valli Averara e Stabina, posizionata in ognuno dei sei Comuni, i pannelli illustrativi bilingue, collocati in vicinanza dei 39 edifici e siti storico-artistici, e un pieghevole informativo, che consente ai visitatori di identificare e intraprendere in autonomia i percorsi proposti", spiega il dirigente del Settore Silvano Gherardi.

Il progetto "Le Terre dei Baschenis 2.0" è promosso dall'Associazione Altobrembo, capofila per i sei Comuni delle Valli Averara e Stabina (Averara, Cassiglio, Cusio, Ornica, Santa Brigida, Valtorta), con il contributo della Provincia di Bergamo-Settore Welfare, Turismo e Cultura e della Comunità Montana Valle Brembana,ed è realizzato in collaborazione con Centro Museale di Santa Brigida, Gruppo Culturale Santa Brigida, Centro Storico Culturale Valle Brembana, Cooperativa in Cammino, Associazione Guide Giacomo Carrara.

Tutti e i dettagli e le informazioni si trovano sul sito del progetto www.leterredeibaschenis.it

(02.12.2017)