Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Otto Marzo, sciopero globale delle donne

info@provincia.bergamo.it

L'8 marzo in Italia e nel mondo le donne si fermano e tornano a riempire le piazze: a Bergamo alle ore 18 , al piazzale della Malpensata, si manifesterà per chiedere stop alla violenza contro le donne in ogni sua forma.

Come in oltre 30 città italiane e in più di 60 paesi nel mondo anche a Bergamo le donne aderiscono alla protesta indetta a livello internazionale e manifestano. A seguito della campagna #MeToo esplosa negli ultimi mesi - ​l'invito nato dalle attrici a non tacere sugli abusi subiti ​- il movimento internazionale passa dal #MeToo al #WeToogether: stare insieme per unire le voci in una forza solidale. ​Donne unite per un cambiamento collettivo e per il rifiuto della violenza maschile, una violenza che in tutte le sue forme miete vittime a migliaia in tutto il mondo, come in Italia e nel nostro territorio.

La chiamata locale come quella globale è quindi alla solidarietà, a scioperare e manifestare. Aderire allo sciopero e smettere di produrre interrompendo il proprio lavoro a casa e nella società e, nel caso bergamasco, partecipare al grande corteo che attraverserà la città​.

Le donne della rete "Bergamo per l'8 marzo contro la violenza di genere"(*) sono state accolte nella Sala Rezzara dalla consigliera di parità della Provincia Isabel Perletti ​che ha rinnovato l'adesione ai temi dell'iniziativa. Le intervenute hanno focalizzato l'attenzione sull'attualità e la tragicità del tema della violenza e hanno spiegato che tale gravità sta alla base delle motivazioni che hanno aggregato la composita e ampia assemblea promotrice.

La manifestazione, che avrà inizio al piazzale della Malpensata alle ore 18, percorrerà Via Quarenghi, Via Zambonate, Via Tiraboschi, Porta Nuova e Via XX settembre dove si concluderà nei pressi del Palazzo della Regione.

Isabel Perletti, consigliera di parità della provincia di Bergamo:

Oliana Maccarini, presidente Centro antiviolenza aiuto donna - Uscire dalla violenza:

Corinna Preda, Fisascat Cisl per Sindacati confederali:

Silvia Dradi di Non una di meno Bergamo:


(*) La rete si è costituita nel febbraio dello scorso anno ed è fatta di numerose donne singole e di diverse realtà del territorio che vanno dall'associazionismo ai centri antiviolenza, ai sindacati.

Leggi il Rapporto Istat sulle molestie e i ricatti sessuali sul lavoro

Scarica locandina

(05.03.2018)