Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Firmato in Regione l'accordo per Tangenziale sud e Variante SS 42

info@provincia.bergamo.it

Dopo il via libera dalla Giunta provinciale del 15 dicembre, lunedì 18 dicembre è stato firmato, in Regione Lombardia, l'accordo tra Regione, Ministero delle infrastrutture, Provincia di Bergamo e Anas per la realizzazione della Tangenziale sud (nei due tratti da Villa d'Almè a Treviolo e da Stezzano a Zanica) e della Variante alla strada statale 42 da Albano Sant'Alessandro a Trescore Balneario.

"Finalmente si sta continuando - e speditamente sulla strada dei passi concreti per le grandi infrastrutture di cui la nostra Provincia ha assoluto bisogno per la sua modernizzazione e competitività": questo il primo commento del presidente della Provincia di Bergamo, Valerio Bettoni dopo la firma dell'accordo in Regione a Milano per la Tangenziale sud e della Variante alla strada statale 42 da Albano Sant'Alessandro a Trescore Balneario.

L'intesa sottoscritta in Regione fra Ministero delle infrastrutture, Regione, Anas e Provincia assicura alle arterie bergamasche un afflusso di 181 milioni e 600 mila euro.

Tutto il pacchetto, approvato venerdì mattina in Giunta a Bergamo, rappresenta un importante traguardo per il territorio bergamasco.

"La programmazione e la progettazione erano competenza della Provincia - spiega l'assessore alle Grandi infrastrutture, Felice Sonzogni - e via Tasso ha fatto e proseguirà negli adempimenti e nei tempi che verranno assegnati alla Provincia. Piace qui rilevare che gli altri partners dell'accordo hanno onorato gli impegni assunti dal precedente Governo e confermati dall'attuale".

Valerio Bettoni rende merito per il risultato conseguito al ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro e al suo predecessore Pietro Lunardi, al presidente della Regione, Roberto Formigoni e all'assessore regionale Raffaele Cattaneo: "Le due opere consentono di realizzare il grande anello attorno alla città di Bergamo. Ciò favorirà l'alleggerimento del casello autostradale di Bergamo perché saranno facilitati gli accessi all'autostrada attraverso i caselli di Dalmine e Seriate. Non solo, ma le due arterie sono preziosissime anche in prospettiva turistica: dall'autostrada sarà possibile raggiungere il cuore delle valli in mezz'ora".

Gli fa eco Felice Sonzogni: "Per decongestionare di traffico la città sono urgenti e indispensabili queste realizzazioni che orienteranno altrove i flussi quotidiani. Riconosciamo con soddisfazione che Governo. Regione e ANAS hanno confermato il loro fondamentale impegno per la messa a disposizione delle risorse che permetteranno di portare a compimento le opere nei prossimi quattro anni”.

Questo accordo corona il lavoro di programmazione che è stato fatto dalla Provincia, la quale ora si dovrà fare carico della progettazione della Tangenziale sud e della Villa d'Almè-Dalmine, mentre la progettazione della Albano-Trescore è già conclusa.

"Rendere competitivo il territorio - conclude il presidente Valerio Bettoni -significa dotarlo di infrastrutture ed è quello che con grande impegno e tenacia la Provincia sta facendo. E' un modo per rispondere alle esigenze sempre più avvertite di creare le premesse di continuità e sviluppo per le nostre aziende, altrimenti soffocate anche dal traffico oltre che dalla concorrenza dell'estero. E' quindi una risposta di generale efficienza alla domanda che da tempo l'economia fa giungere e della quale la Provincia è interprete".

Tangenziale Sud

La progettazione e la realizzazione della Tangenziale sud, del costo complessivo di 150.000.000 di euro, è stata suddivista in tre lotti:

  1. la tratta da Zanica a Stezzano;
  2. la tratta da Treviolo a Paladina;
  3. la tratta da Paladina a Villa d'Almè

Tra Anas e Provincia di Bergamo è stato definito uno schema di convenzione che prevede il finanziamento dell'opera per 150 milioni di euro a carico dell'Anas.

Con la firma dell'Accordo:

  • Il Ministero delle infrastrutture si impegna a rendere disponibile del prossimo Contratto di programma Anas la somma complessiva per la Tangenziale sud, con priorità per il tratto Stezzano-Zanica (costo di 25 milioni di euro).
  • La Regione Lombardia si impegna ad attivare, ad avvenuta realizzazione del tratto Stezzano-Zanica da parte di Anas e del tratto Stezzano-casello autostradale di Dalmine da parte della Provincia di Bergamo, le procedure per il riconoscimento quale "itineraio di interesse nazionale" del tratto di Tangenziale Sud compreso fra l'A4 e l'innesto con la strada del Tonale a Zanica.
  • L'Anas finanzierà la progettazione e la realizzazione della Tangenziale sud e realizzerà direttamente il primo tratto da Zanica a Stezzano. 
  • La Provincia realizzerà i progetti preliminari dei tre lotti che saranno poi trasmessi ad Anas per l'approvazione; predisporrà i progetti definitivi per l'appalto integrato delle tre tratte; realizzerà direttamente la tratta Treviolo-Paladina e Paladina-Villa d'Almè e consegnerà ad Anas, a collaudo effettuato, il tratto fra il casello di Dalmine e Stezzano, che via Tasso sta realizzando a sue spese.

Variante da Albano a Trescore

Il progetto definitivo è già stato predisposto e l'appalto sarà indetto entro il 2007. Per quanto riguarda i finanziamenti: 4,5 miliori di euro già stanziati dalla Regione Lombardia e 31,5 milioni dall'Anas.

Con la firma dell'Accordo:

  • Il Ministero delle Infrastrutture si impegna a rendere disponibile nel prossimo Contratto di Programma Anas la somma di 31,5 milioni di euro.
  • La Regione Lombardia si è impegnata a mantenere il finanziamento di 4,5 milioni di euro, già stanziati.
  • L'Anas approverà entro 60 giorni dalla cofnerma del finanziamento di competenza del Ministero delle Infrastrutture, il progetto definitivo per l'appalto integrato della Variante alla strada statale 42 ed entro i successivi 60 giorni a pubblicare il bando di gara per l'appalto dei lavori.
  • La Provincia di Bergamo ha predisposto il progetto definitvo.

La realizzazione della Variante è necessaria per l'entrata in esercizio dell'Interporto di Montello.

(18.12.2006)