Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Comunicazioni obbligatorie

Dal 11 gennaio 2008 le comunicazioni obbligatorie on-line ai Centri per l'Impiego sono valide ai fini dell'assolvimento degli obblighi di comunicazione nei confronti di:

  1. Direzioni Regionali e Provinciali del Lavoro
  2. INPS
  3. INAIL
  4. ENPALS
  5. Prefetture - UTG

Il Ministero dell'Interno, con nota prot.0000465 del 29 gennaio 2008, ha chiarito che nel caso in cui venga instaurato un nuovo rapporto di lavoro con un cittadino non comunitario regolarmente soggiornante in Itali, permane l'obbligo, per il datore di lavoro, di trasmettere il contratto di soggiorno (modello Q), atteso che con tale atto il datore di lavoro è tenuto ad indicare la sistemazione alloggiativa del lavoratore straniero e assume l'impegno al pagamento delle spese di ritorno dello straniero nel Paese di provenienza.

Come comunicare ai Centri per l'impiego i rapporti di lavoro e i loro cambiamenti

Entro il giorno antecedente all'instaurazione del rapporto di lavoro (anche se festivo), tutti i datori di lavoro privati - compresi quelli agricoli (ad eccezione delle agenzie private per il lavoro), gli enti pubblici e le pubbliche amministrazioni - devono comunicare al Centro per l'impiego nel cui ambito territoriale è ubicata la sede di lavoro, l'instaurazione del rapporto di lavoro.

Sono escluse dall'obbligo di comunicazione entro il giorno antecedente, le assunzioni effettuate a causa di "forza maggiore", ad esempio eventi naturali catastrofici, assunzioni non rimandabili per sostituzione di lavoratori che comunicano la propria assenza il giorno stesso. In questi casi la comunicazione deve essere fatta il primo giorno utile.

Oltre ai rapporti di lavoro subordinato, devono essere comunicati anche i rapporti di lavoro autonomo in forma coordinata e continuativa (anche nella modalità a progetto), gli agenti e rappresentanti di commercio, i rapporti di socio lavoratore di cooperativa, di associato in partecipazione con apporto lavorativo, i tirocini di formazione e di orientamento previsti dall'art. 18 della L. 196/97 e dal suo regolamento di attuazione (DM 142/98), quelli disciplinati dalle vigenti leggi regionali in materia di occupazione e mercato del lavoro, nonché quelli inclusi nei piani di studio che le istituzioni scolastiche realizzano sulla base di norme regolamentari (i soggetti obbligati alla comunicazione nei confronti dei Centri per l'Impiego sono quelli ospitanti e non quelli promotori) e i lavori socialmente utili.

Le agenzie private per il lavoro devono invece comunicare, entro il giorno 20 del mese successivo alla data dell'evento, al Centro per l'Impiego nel cui ambito territoriale è ubicata la loro sede operativa, l'assunzione, la proroga e la cessazione dei lavoratori temporanei. 

E' confermato l'obbligo dei datori di lavoro di comunicare la cessazione dei rapporti di lavoro, entro i 5 giorni successivi, quando trattasi di rapporti a tempo indeterminato, mentre per i rapporti a tempo determinato tale obbligo di comunicazione rimane solo nelle ipotesi in cui la cessazione avvenga in data diversa da quella indicata nella comunicazione di assunzione. 

I datori di lavoro devono comunicare al Centro per l'Impiego competente, anche le cessazioni relative a quei rapporti di lavoro per i quali fino al 31 dicembre 2006 non era obbligatoria la comunicazione dell'instaurazione del rapporto di lavoro (es. lavoro a progetto).

L'obbligo di comunicazione preventiva va assolto anche in caso di assunzione tramite mobilità esterna fra distinte pubbliche amministrazioni.


E' possibile consultare anche le risposte ai quesiti più frequenti (FAQ) in materia di adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro sul sito internet del Ministero del lavoro.

Le comunicazioni di assunzione, cessazione, trasformazione e proroga di rapporti di lavoro da parte delle aziende, ai Centri per l'impiego e agli altri Enti, devono essere effettuate obbligatoriamente per via telematica utilizzando il programma SINTESI (Semplificazione Amministrativa in Rete), con l'esclusione dei rapporti di lavoro domestico che possono essere comunicati anche via fax, consegna a mano o raccomandata a.r., ma in questo caso assolvendo esclusivamente l'obbligo di comunicazione al Centro per l'impiego.

Le comunicazioni riguardanti APPRENDISTI devono essere inoltrate ESCLUSIVAMENTE tramite il programma SINTESI.

Dall'11 gennaio 2008 i modelli utilizzabili sono esclusivamente quelli approvati dal Decreto interministeriale 30 ottobre 2007 (consulta il Decreto interministeriale)


(17.03.2008)