Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Politiche sociali / Interventi in campo sociale
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Tutti contro i bulli!



banner tutti contro i bulli!

UNA FAVOLA CONTRO IL BULLISMO, DA LEGGERE E ASCOLTARE INSIEME

Trovare nuovi strumenti di contrasto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo partendo da una sensibilizzazione anche nell'età prescolare.
Con questa finalità è nato il percorso "Tutti contro i bulli!, un progetto ambizioso che ha saputo investire su un importante lavoro di rete che ha permesso di valorizzare competenze diverse nel comune impegno di offrire una infanzia serena ai nostri ragazzi.

Vai alla pagina delle buone prassi


I PARTNER

Le Politiche Sociali della Provincia di Bergamo, che hanno curato il progetto editoriale di concerto con l'Ufficio comunicazione dell'Ente, la Diocesi di Bergamo attraverso gli Uffici per la Pastorale della Famiglia e della Scuola, l'Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo, le associazioni dei genitori nella scuola tramite il FoPAGS e il Coor.Ge.I.Co: tanti i partner che hanno potuto contare sul sostegno anche economico della Rete provinciale per il contrasto al bullismo e al cyber bullismo, di cui fanno parte, coordinata dall'Istituto superiore B. Belotti di Bergamo che è anche scuola polo per la formazione sul tema rivolta a insegnanti e genitori.

PEER EDUCATION O EDUCAZIONE TRA PARI

Il primo passo del progetto è stato quello di formare i ragazzi delle scuole superiori di secondo grado sul tema del contrasto al bullismo e renderli protagonisti di laboratori rivolti ai bambini dai 4 ai 10 anni. Questa in sintesi è la metodologia della peer education, o educazione tra pari, una sorta di laboratorio sociale che prevede obiettivi, tempi, modi, ruoli e materiali strutturati in cui conoscersi, sviluppando dinamiche relazionali e di apprendimento, trasmettendo l'insegnamento delle life skills, cioè delle competenze indispensabili per il processo formativo. Come spesso succede nelle sperimentazioni educative, la difficoltà è quella di monitorare l'effettiva efficacia, costruendo modelli che possano essere riproposti e prodotti da condividere. Questo favola nasce da questa esigenza.
30 tra i meravigliosi disegni prodotti nei laboratori sono diventati il motore di questa storia. E i piccoli sono diventati a loro volta, con i loro disegni, gli eroi di questo viaggio chiamato libro. Che vuole diventare un volano di sensibilizzazione sul tema per gli studenti, gli insegnanti e le famiglie che avranno voglia di leggerlo insieme.

LA DISTRIBUZIONE NELLE SCUOLE

Copertina libretto Tutti contro i Bulli!La favola stampata verrà distribuita nelle 225 scuole dell'infanzia parificate e nelle scuole 122 statali, di cui 101 in provincia e 21 nella città di Bergamo (compresa la scuola dell'infanzia dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII). coinvolgendo un totale di quasi 25 mila bambini.
La storia si può leggere e ascoltare perché è diventata anche un cartone animato permettendo di coinvolgere anche i bambini con qualche fragilità.

LA FILASTROCCA IN MUSICA

Anche la musica si è unita al comune impegno di lotta al bullismo: la filastrocca finale è stata musicata da "Artemia - Scuola di arte e musica" e i bambini sono ancora i protagonisti assoluti di una esecuzione professionale ed emozionante. Le musiche sono di Luca Casati e i testi di Giovanna Fidone autrice anche della favola.

TANTE LINGUE UN UNICO MESSAGGIO

E' allo studio la traduzione della favola nelle lingue straniere più diffuse, perché la parola inclusione parte dalla volontà di tutti di investire nella diversità anche linguistica e culturale su temi condivisi come quello della prevenzione e della sensibilizzazione sociale.
Inglese Francese Spagnolo Russo Arabo Cinese Giapponese ...

Vai alla pagina delle traduzioni

Non trovi la tua lingua?
Traducila per noi e mandala via mail a segreteria.minori@provincia.bergamo.it .

"Tutti contro i bulli! vuole credere che insieme si possa fare molto. Ci vuole impegno, coraggio e quel pizzico di fantasia che i nostri ragazzi ci ricordano quanto sia importante. Per tutti.

ADESSO TOCCA A TE!

Se sei un insegnante e hai utilizzato la favola come strumento educativo raccontaci il progetto o mandaci eventuali prodotti (disegni foto video) che aiuteranno altri colleghi a trovare nuove strade di sensibilizzazione sul tema
Scarica la liberatoria per l'utilizzo delle immagini


(30.09.2019)
Ultimo aggiornamento al 7 novembre 2019