Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Turismo e Sport / Turismo / Ricettivitą non alberghiera
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Ricettività non alberghiera

protocollo@pec.provincia.bergamo.it
segreteria.turismo@provincia.bergamo.it

Legge regionale n.27/2015

Le attività ricettive non alberghiere - case per ferie, ostelli per la gioventù, foresterie lombarde, locande, Bed&Breakfast, rifugi alpinistici ed escursionistici - sono intraprese previa S.C.I.A. (Segnalazione Certificata Inizio Attività) al Comune competente per territorio.

Le attività di Case e appartamenti per vacanze sono intraprese previa comunicazione preventiva al Comune competente per territorio.

Al Comune competente per territorio è necessario rivolgersi per ogni informazione su modalità e requisiti per l'esercizio dell'attività, nonché per la cessazione temporanea o definitiva della stessa.

I servizi, gli standard qualitativi e le dotazioni minime obbligatorie degli ostelli per la gioventù, delle case e appartamenti per vacanze, delle foresterie lombarde, delle locande e dei Bed&Breakfast e i requisiti strutturali ed igienico-sanitari dei rifugi alpinistici ed escursionistici sono definiti dal Regolamento regionale 5 agosto 2016 n.7.

Alla S.C.I.A./ comunicazione di inizio attività presentata al Comune è opportuno allegare anche il Modulo di comunicazione dell'attrezzatura e dei prezzi per l'inoltro alla Provincia.

In caso di difformità tra i dati strutturali contenuti nella "Comunicazione dell'attrezzatura e dei prezzi" e i dati strutturali contenuti nella S.C.I.A./ comunicazione di inizio attività, la Provincia riterrà validi i dati contenuti in queste ultime.


Standard qualitativi strutture ricettive non alberghiere

Scade il 9 agosto 2017 il termine per la presentazione alla Provincia della dichiarazione del rispetto degli standard qualitativi da parte delle strutture ricettive non alberghiere.

Vai alla notizia


Approvazione del codice identificativo di riferimento (CIR) da assegnare alle Case e appartamenti per vacanze

La Giunta regionale, con la Delibera 28 giugno 2018 - n. XI/280, ha approvato la "Disciplina del codice identificativo di riferimento (CIR)" per le strutture di Case e appartamenti per vacanze, compresi gli alloggi o le porzioni di alloggi dati in locazione per finalità turistiche ai sensi della legge 431/1998.
Il CIR dovrà essere indicato dai titolari sugli strumenti utilizzati nella pubblicità, promozione e commercializzazione dell'offerta sia che avvenga con scritti o stampati o supporti digitali o con qualsiasi altro mezzo.
Il titolare potrà acquisire il CIR della propria struttura ricettiva (riportato come "Codice Regione/C.I.R."), accedendo con le proprie credenziali nel Programma Turismo 5.
L'adempimento di indicare il codice identificativo di riferimento (CIR) per ogni singola unità ricettiva pubblicizzata con scritti o stampati o supporti digitali e con qualsiasi altro mezzo all'uopo utilizzato è obbligatorio dal 1° novembre 2018 (termine prorogato con L.r. 12/2018 art. 20).

Scarica legge Regione Lombardia

Scarica Delibera Giunta regionale 28 giugno 2018 - n. XI/280

Scarica art. 20 L.r. 12/2018 proroga C.I.R. per C.A.V.


Approvati i contrassegni identificativi delle strutture extralberghiere

Con Dgr del 16 gennaio 2017 - n.X/6117, la Regione Lombardia ha approvato i contrassegni identificativi delle strutture ricettive non alberghiere: ostelli, foresterie lombarde, locande, Bed&Breakfast, rifugi alpinistici ed escursionistici, che devono essere esposti in modo visibile al pubblico all'esterno dell'ingresso principale delle strutture ricettive.

Locande e Foresterie lombarde, disponibili i contrassegni identificativi

Rifugi, disponibili i contrassegni identificativi

Ostelli della gioventù, disponibili i contrassegni identificativi

Bed&Breakfast, disponibili i contrassegni identificativi


Avviso per i titolari di Bed & Breakfast

Le attività di Bed & Breakfast devono osservare un periodo di interruzione dell'attività non inferiore a 90 giorni anche non continuativi. Ogni periodo di interruzione dell'attività deve essere comunicato preventivamente alla Provincia.

Le comunicazioni preventive (possibilmente trimestrali o mensili) vanno inviate all'indirizzo protocollo@pec.provincia.bergamo.it (che accetta comunicazioni anche da posta "semplice" e non PEC), specificando denominazione e indirizzo del Bed&Breakfast e i giorni di chiusura previsti.


Avviso per titolari di case e appartamenti in forma non imprenditoriale

Le case e appartamenti per vacanze in forma non imprenditoriale svolgono l'attività in maniera non continuativa, osservando a tal fine un periodo di interruzione dell'attività non inferiore a novanta giorni all'anno, anche non continuativi.

I periodi di interruzione NON devono essere comunicati preventivamente alla Provincia.


Elenchi strutture ricettive non alberghiere:

Scarica gli elenchi delle strutture ricettive non alberghiere 2019: Foresterie lombarde; Locande; Bed & Breakfast; Case e appartamenti vacanze; Case per ferie; Ostelli per la gioventù

Vai agli Open data delle strutture ricettive regionali