Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Ambiente / Aree protette e biodiversitą
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Val Venina (codice IT2040033)

Provincia: Bergamo, Sondrio
Comuni: Valbondione, Piateda
Ente gestore: Parco Orobie Valtellinesi
Area: 3.644 ettari
Regione bio-geografica: Alpina
Altitudine: 1.479/3.039 metri sul livello del mare
Aree Protette: Parco Regionale delle Orobie Bergamasche, Parco Regionale delle Orobie Valtellinesi

QUALITA' E IMPORTANZA
Si tratta di un'area molto vasta che comprende tipologie di habitat assai diversificate, in cui è possibile riconoscere la serie altitudinale pressoché completa: dai boschi di latifoglie delle quote più basse ad alcuni piccoli ghiacciai residui alla testata delle valli. Da segnalare, in particolare, l'apprezzabile estensione dei lariceti, molto ben caratterizzati sia sotto l'aspetto strutturale che floristico, delle aree rupestri e dei macereti e, soprattutto, delle praterie d'altitudine ("varieti"). I confini attuali del sito escludono le formazioni boschive igrofile del fondovalle e alcune zone con presenza di prati da fieno ancora ben conservati seppur di limitata estensione; per contro includono aree, di superficie ridotta se confrontata con quella complessiva del sito, alla testata di valli limitrofe. Queste ultime non evidenziano particolari peculiarità e non ospitano habitat differenti da quelli già presenti nelle valli di Ambria e Venina.

VULNERABILITA'
Non si segnalano al momento motivi particolari di preoccupazione, se si prescinde dalla presenza di infrastrutture già esistenti, con particolare riferimento alla diga e al bacino artificiale di Venina. La captazione e la regimazione delle acque hanno infatti modificato sensibilmente la situazione idrologica complessiva, con alterazione delle portate dei torrenti e locali fenomeni di asciutta totale. Ciò ha comportato ovvie conseguenze sulla funzionalità degli ecosistemi e sulla valenza paesaggistica complessiva dell'aria. Si ritiene utile il monitoraggio degli habitat per verificare eventuali cambiamenti correlabili a tali cause.

19 MARZO 2009