Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home / ATTIVITA' / Politiche sociali / Immigrazione
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Quinto Rapporto immigrazione straniera nella provincia di Bergamo. Annuario statistico 2006

Siamo al quinto rapporto provinciale dell'Osservatorio Regionale per l'integrazione e la multietnicità.

Sulla base delle rilevazioni realizzate e dell'indagine campionaria è possibile per gli amministratori, dirigenti ed operatori, e per i lettori italiani ed immigrati, avere le stime sulla presenza e cogliere alcune dinamiche sociali caratteristiche del nostro territorio.
E' per queste ragioni che il Settore Politiche sociali della Provincia continua la collaborazione e sostiene la diffusione dei risultati.


Copertina rapporto immigrazione

Alcuni dati...

Sembra utile richiamare l'attenzione su alcuni dati:

  • Bergamo si conferma al terzo posto in Lombardia con un numero di presenze stimato in 92.400 unità (pari al 10,7% del totale regionale);
  • nel 2006 aumenta l'area dell'irregolarità, con una media di 15 persone su 100, mentre per i Boliviani si arriva a 31 su 100;
  • il Marocco è il collettivo più numeroso, seguito da quello albanese, che supera i senegalesi, da tempo al secondo posto;
  • solo nell'ambito di Bergamo il numero delle donne è superiore agli uomini, mentre per gli irregolari è quello dell'Isola ad avere il numero più alto di irregolari tra gli uomini;
  • si conferma al primo posto la professione della religione islamica, mentre aumenta il numero degli ortodossi;
  • oltre il 45% ha conseguito il diploma di scuola superiore;
  • la percentuale degli occupati a tempo indeterminato è più bassa dell'anno scorso;
  • un immigrato su due è in affitto.

... e alcuni aspetti dell'integrazione

In questa edizione sono riportati anche alcuni aspetti dell'integrazione, sulla base delle domande rivolte agli immigrati. Il non sentirsi discriminati per il fatto di essere straniero è la condizione principale per la maggioranza degli intervistati. E la cittadinanza non è in cima alle aspirazioni.

Si tratta di nuove informazioni che certamente sono preziose e utili a tutti.
Fin qui il rapporto. Occorre, però, sottolineare che la specificità di Bergamo è rappresentata dalla presenza dei Boliviani (in maggioranza irregolari), certamente superiore alle stime calcolate dall'Osservatorio, che, comunque, ne rileva la significatività sul piano regionale.

Un'ultima osservazione degna di nota è relativa al numero di immigrati in provincia con un numero di anni superiore a 5: va oltre il 70%. Un segnale di forte stabilizzazione della presenza, positivo per gli immigrati e l'intera comunità.
In definitiva, il quadro generale non è uniforme e spinge da un lato a diversificare localmente le politiche da attivare e nello stesso tempo richiede uno sforzo volto a realizzare interventi che riducano l'irregolarità e rafforzino i processi di stabilizzazione.

La Provincia, con questa pubblicazione, e con l'attività dell'Osservatorio Politiche sociali intende contribuire all'attività e agli impegni in essere.

La pubblicazione sarà disponibile presso
la Provincia di Bergamo
Settore Politiche sociali
telefono 035.387.656

(29.05.2007)