Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Adottato il bilancio di previsione 2016/2018

info@provincia.bergamo.it

Il Consiglio di Via Tasso, su proposta del presidente Matteo Rossi, ha adottato il bilancio preventivo 2016 che ammonta a circa 140 milioni di euro che serviranno a far fronte alle spese per il funzionamento degli uffici e al finanziamento dei servizi erogati al territorio.

La previsione, insieme al Piano delle opere Pubbliche (PoP) con gli interventi sulle strade provinciali e sugli edifici scolastici, verrà sottoposta al vaglio dell'Assemblea dei Sindaci sabato 26 novembre in occasione dell'incontro che si terrà nella sede di ABF di via Gleno.

Ancora quest'anno la Provincia ha evitato il dissesto ed è riuscita a chiudere il bilancio in pareggio, risultato raggiunto anche grazie al fatto che la spesa è stata finanziata con 8 milioni di avanzo di amministrazione e che i mutui sono stati negoziati e spostati nel tempo.

Un tasto dolente è rappresentato dal taglio, imposto da diversi atti normativi, di 51,6 milioni di euro che vengono trasferiti allo Stato. Quindi ai 140 milioni in previsione bisognerà sottrarne 51 che non verranno investiti direttamente sul territorio. Una grossa fetta che purtroppo è destinata a crescere nel 2017, quando il taglio sarà di 64,9 milioni.

Spicca il basso costo della spesa del personale che si attesta sul 12,8% del costo totale (16 milioni di euro, 4 meno dell'anno scorso). Anche se quasi tutte le funzioni sono rimaste in capo alla Provincia (soltanto agricoltura e caccia e pesca sono transitate con il personale relativo sotto Regione Lombardia), il personale è sceso a 418 unità, a cui vanno sommati 5 dirigenti e il segretario generale: 296 impegnati nelle funzioni fondamentali e 122 nelle non fondamentali (spesa finanziata dalla Regione).

Dal bilancio, risposte a questioni irrisolte

Malgrado la riduzione della capacità di spesa sul territorio, via Tasso riesce a dare risposta a problemi che sono rimasti irrisolti nel tempo, tra cui:

  • il pagamento delle due annualità pregresse 2015 e 2016 per i sistemi bibliotecari del territorio (circa 400 mila euro) e per l'agenzia Turismo Bergamo (circa 400 mila euro);
  • 490 mila euro per il sistema dei parchi regionali;
  • 9 milioni a sostegno delle "fragilità sociali";
  • come per gli anni pregressi, verrà garantito il servizio di trasporto degli alunni disabili delle scuole superiori con una cifra pari a 250 mila euro;
  • per quanto riguarda il servizio Assistenza di questi alunni, il bilancio 2016 prevede una spese pari a 2,6 milioni per la copertura dell'anno scolastico 2015/2016 e di 2,7 milioni per iniziare a pagare il debito di 16 milioni con i Comuni, accumulatori negli anni precedenti all'attuale Amministrazione, dal a.s. 2002/2003 all'a.s. 2013/2014.

Come è finanziato il bilancio? Ecco alcune delle fonti principali

La situazione finanziaria è talmente grave che per la realizzazione delle opere inserite nel Pop l'Ente ha deciso di procedere con importanti alienazioni. I circa 10 milioni di proventi per la vendita dell'immobile di Borgo Santa Caterina e delle quote di azioni di SACBO e TEB serviranno infatti a finanziare i lavori su strade e scuole.

ENTRATE PER TRIBUTI PROPRI
Da previsione c'è un incremento delle entrate da 70 milioni dell'anno scorso a 78 milioni per tributi propri, di cui:

  • 34 per Ipt (imposta auto);
  • 39 per adizionale sull'RcAuto;
  • 5 per tributi ambientali.

ENTRATE CORRENTI

  • 600 mila euro da Fondazione educativa per disabili (l'anno scorso erano 300);
  • 1,3 da Stato;
  • 1 milione da Regione.

ENTRATE EXTRATRIBUTARIE (rimangono stabili)

  • 1,5 milioni arrivano dalla verifica di impianti termici;
  • quasi 4 milioni da entrate per varie istruttorie degli uffici;
  • altre entrate derivano da affitti, come la Prefettura (oltre 200 mila euro);
  • 620 mila euro da sanzioni ambientali e rifiuti (in questa voce si registra un incremento);
  • 800 mila euro di dividendi da Sacbo e Cogeide;
  • 300 mila euro di competenza da Uniacque.

ENTRATE IN CONTO CAPITALE

  • 21 milioni per il tratto Treviolo - Paladina;
  • oltre 7 milioni per RFI alta capacità;
  • circa 7/8 milioni dalla sommatoria delle alienazioni delle quote partecipate delle società SACBO e TEB;
  • 3,6 milioni verranno realizzati con la vendita dell'immobile di proprietà di Borgo Santa Caterina.

Consulta le slide sul bilancio di previsione 2016

Consulta il Programma triennale delle opere pubbliche

(25.11.2016)