Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Intitolazione della Casa dello Sport a Yara Gambirasio


info@provincia.bergamo.it

Lunedì 23 settembre alle ore 17 si è tenuta la cerimonia di intitolazione della Casa dello Sport di Bergamo in via Monte Gleno 2L alla memoria di Yara Gambirasio.

Sono intervenuti il presidente della Provincia di Bergamo (proprietaria dell'immobile) Gianfranco Gafforelli, il presidente del CONI Giovanni Malagò e il presidente nazionale  del CSI Vittorio Bosio; presente anche la famiglia Gambirasio e molte autorità ed esponenti politici, dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori al Prefetto Elisabetta Margiacchi, e il consigliere provinciale con delega allo Sport Marco Redolfi, che non hanno voluto mancare  a questo simbolico gesto di omaggio alla memoria di una ragazza che amava moltissimo lo sport.

"Se Yara non è più qui in mezzo a noi, il suo amore per lo sport c'è ancora, e può durare per sempre, coinvolgendo tutti noi e in particolare i più giovani in un percorso virtuoso che non potrà finire. Per questo ci sembra naturale dedicare a lei la sede dello sport bergamasco, dove diverse associazioni lavorano ogni giorno per diffondere la cultura e la pratica sportiva - ha detto il presidente Gafforelli, che ha voluto esprimere un affettuoso ringraziamento ai genitori di Yara  - per aver voluto e saputo trasformare il ricordo della loro amatissima figlia in un'incessante attività di coinvolgimento e di stimolo delle giovani generazioni nel nome dello sport e dei valori che ne sono alla base: l'impegno, la disciplina, la serietà, il confronto e il rispetto degli altri, il mettersi in gioco. L'amore per la vita".

Ascolta il discorso del presidente Gafforelli

Nel corso della cerimonia sono state presentate alcune iniziative rivolte alle scuole e alle associazioni sportive bergamasche finalizzate a dare significato a questa intitolazione, all'insegna della promozione della pratica e della cultura sportiva tra i giovani, nella memoria di Yara e della sua grande passione sportiva.

La prima è un bando rivolto agli studenti e alle scuole della provincia per ideare/progettare un'istallazione artistica da posizionare all'ingresso della Casa dello Sport. L'intenzione è quella di dare vita ad un concorso di idee in grado di sprigionare l'entusiasmo e la creatività dei ragazzi e dei giovani. Saranno poi Provincia di Bergamo e l'Associazione Cittadella dello Sport, con un premio alle tre migliori proposte, a farsi carico della realizzazione dell'opera che si spera possa essere inaugurata ed installata a settembre del prossimo anno;

La seconda iniziativa è un concorso fotografico rivolto alle scuole di tutta la provincia e a tutte le associazioni sportive bergamasche in cui immortalare immagini significative che diano risalto allo "sport al femminile" da cui far scaturire una mostra fotografica itinerante presso le scuole e le società sportive che ne facciano richiesta o comunque presso spazi pubblici e privati dedicati e significativi.

Al termine della presentazione si è svolta la premiazione della prima edizione di "Scatti di Sport”, iniziativa ideata e promossa dalla Provincia di Bergamo in collaborazione con il CSI Bergamo.

"Scatti di Sport” è un concorso fotografico riservato alle classi prime, seconde e terze delle scuole secondarie di secondo grado statali, paritarie e dei centri di formazione professionale con sede principale in provincia di Bergamo. L'idea è quella di immortalare in un'immagine un frangente o un gesto sportivo "al femminile” abbinato allo slogan "Lo sport è di tutti…anche il mio” così da far emergere i valori dello sport per tutti, dove appaiano ragazze che praticano sport ma che non hanno notorietà pubblica, in modo da veicolare un messaggio di normalità e possibilità dell'attività sportiva al femminile durante il periodo degli studi.
Sono risultate vincitrici:
1)    Classe 3^   Estetica Patronato S. Vincenzo di Endine Gaiano   
2)    classe 1^ s   Liceo Scientifico Amaldi di Alzano Lombardo
3)    classe 1^ abis   ABF Treviglio
4)    classe 1^ all   I.S.I.S. Betty Ambiveri di Presezzo.

Ascolta le parole dei genitori di Yara Fulvio e Maura Gambirasio

Prima dello scoprimento dell'intitolazione hanno preso la parola i genitori di Yara Gambirasio, che hanno ringraziato le istituzioni per la presenza e l'appoggio a questi progetti. "Di solito quando si dedica una targa a qualcuno lo si fa per ricordare il suo passato - ha detto Fulvio Gambirasio - Questa invece è una dedica rivolta al futuro: ricordiamo Yara perché i nostri ragazzi si impegnino per realizzare i loro sogni".

(23.09.2019)