Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Scambio di auguri natalizi con il vescovo Francesco Beschi


info@provincia.bergamo.it

Questa mattina nella sala consiliare della Provincia si è svolta la tradizionale visita del vescovo di Bergamo Francesco Beschi per gli auguri di Natale agli amministratori e dipendenti della Provincia di Bergamo, che rappresenta anche l'occasione in cui via Tasso saluta e omaggia i dipendenti collocati a riposo.

Il vescovo, accolto dal vicepresidente Pasquale Gandolfi e dal Segretario generale Immacolata Gravallese, ha rivolto i suoi auguri partendo dall'immagine del Presepe, che rappresenta l'evento della nascita e viene sempre inserito nel contesto di un territorio: "Anche voi siete a servizio di un territorio, un patrimonio bellissimo e pieno di ricchezze. Non dimenticate che il territorio è fatto da un terreno, ma anche dalla comunità che lo vive. Non bisogna mai scindere questi due elementi, come ha sottolineato Papa Francesco anche le preoccupazioni per la tutela dell'ambiente non possono essere slegate dalla tutela delle persone più deboli".

Il vicepresidente Gandolfi ha ripreso l'immagine del Presepe, e in particolare quella della statuina del pastore che porta una pecora sulle spalle, per simboleggiare la fatica e le difficoltà che stanno vivendo in questa fase le Province: "Contiamo che venga messa a punto quanto prima una modifica della legge Delrio che dia maggiori certezze sul nostro ruolo e sui servizi che siamo chiamati a svolgere"; anche il Segretario Gravallese ha sottolineato come nelle rappresentazioni tradizionali del Presepe il lavoro e la fatica siano elementi ricorrenti, e le varie attività facciano da contesto e da contorno alla Natività.

Infine ha preso la parola la Dirigente del settore Servizi generali e Risorse umane Giuseppina Pettini, che ha portato delle pergamene con cui ringraziare i dipendenti andati in pensione: "Siamo qui a ringraziare i colleghi che hanno operato per la Provincia, che ci lasciano l'esempio e il senso di appartenenza, siamo qua per raccogliere e continuare il lavoro iniziato che prosegue tra passato e futuro, perché ciascuno è stato un pezzo di questa Provincia . E per ringraziare chi ogni giorno  continua comunque a credere al senso e alla dignità del proprio lavoro come servizio".

   

12 dicembre 2019