Logo Provincia di Bergamo
Benvenuti nel sito della Provincia di Bergamo

Salta la navigazione principale

Sei in: Home
Acarattere piccolo - Acarattere medio - Acarattere grande
|
  data odierna:   
|

Andamento turistico in cifre

info@provincia.bergamo.it

Decolla il tursimo Orobico. Nel 2005 sono stati 1.500.000 i turisti che hanno soggiornato sul territorio orobico, il 6,3% in più rispetto al 2004.

Momento della presentazione in via TassoLa cifra rappresenta solo la punta dell'iceberg di quanto emerso dal rapporto dell'Osservatorio turistico della Provincia di Bergamo, sull'andamento del fenomeno nella Bergamasca nel 2005, presentato questa mattina nella sala consiliare di via Tasso dal professor Andrea Macchiavelli, docente CESTIT dell'Università di Bergamo e consulente della Provincia, alla presenza del presidente della Provincia Valerio Bettoni, del vicepresidente Bonaventura Grumelli Pedrocca, dell'assessore al Turismo Tecla Rondi, dell'assessore al Bilancio Bruno Rizzi, dell'assessore agli Affari generali Roberto Chiorazzi, dell'assessore alle Politiche sociali, Bianco Speranza e di alcuni rappresentanti delle diverse realtà turistiche locali. Presente in sala anche il presidente di Bergamo Turismo, Felice Spampatti.

Secondo l'analisi di Macchiavelli, il turismo orobico si caratterizza in prevalenza come alberghiero (con il 78% di presenze), con una permanenza medio bassa di poco più di due giorni di durata, che si concentra principalmente in città, e segnato da una consistenze presenza estera, le percentuali in questo senso si attestano al 30,8% di presenze e al 38,2% di arrivi.  "Con il milione e mezzo di presenze nel 2005 - ha detto il professore Macchiavelli - la provincia di Bergamo è quinta in Lombardia”.

Momento della presentazione in via TassoA favorire tale aumento hanno contribuito diversi fattori, come ha sottolineato l'assessore al Turismo e alla Cultura, Tecla Rondi: "Bisogna ringraziare l'aeroporto di Orio al Serio, la posizione geografica e l'azione svolta dall'Agenzia Turismo Bergamo dal 2001”.
 
CRESCITA RISPETTO AL 2005
Sul fronte delle presenze, il 2005 ha fatto registrare un incremento del 6,3%. Per quanto riguarda gli arrivi invece l'aumento è stato dell'11,7%. "Siamo sopra la media lombarda e nazionale - ha spiegato Macchiavelli. In Lombardia infatti la crescita è ferma a zero, mentre a livello nazionale si attesta al 2,7%. Per il 2006 tutto ci fa pensare che lo cose vadano nella stessa direzione”.

PROVENIENZA TURISTI
Gli italiani che arrivano a Bergamo provengono per la maggior parte dalla Lombardia per il 56%. Per quanto riguarda gli stranieri invece, delle 457.629 presenze nel 2005, il 14,4% è arrivato dal Regno Unito, stesso numero dalla Germania. Seguono Francia, Spagna e Norvegia. Sul fronte degli arrivi (236.025 nel 2005) il podio va alla Germania con una percentuale del 15%. Rispetto agli anni precedenti sono aumentati gli arrivi da paesi quali Norvegia, Spagna, Regno Unito, Olanda, Svezia e Polonia grazie soprattutto alla presenza di voli low cost legati allo scalo di Orio al Serio.

STRUTTURE RICETTIVE
Con l'aumento dei turisti cresce anche l'offerta sul fronte di alberghi e Bed&Breakfast . Nel 2006 sono stati attivati 6 nuovi alberghi e 7 sono prossimi all'apertura. Due soli sono stati chiusi. La novità assoluta arriva dal Bed&Breakfast per cui sono previste 14 nuove strutture. Rispetto al 2002 sono raddoppiati e si sono portati a quota 370. Il 73% dei turisti che alloggiano nei Bed&Breakfast sono stranieri. Un peso consistente sul piano della ricettività arriva dagli appartamenti censiti come vuoti (62.000 nel 2001) che offrono oltre 250.000 posti letto e presenti per lo più nelle Valli.

Il quadro generale emerso dai dati dell'Osservatorio, rappresenta una soddisfazione per la Provincia e soprattutto per il presidente Valerio Bettoni.

"Nel 1989 siamo stati la prima Provincia ad aver fatto un piano per il turismo. Allora era emerso che eravamo una provincia industriale e che esisteva un forte bisogno di crescere dal punto di vista del turismo. Dopo 17 anni la situazione è cambiata. Grazie alle scelte politiche fatte, abbiamo un aeroporto arrivato al quarto posto a livello nazionale. Il passaggio successivo è stato quello di creare un organismo che promuovesse Bergamo, in grado di bloccare la gente che arrivava a Orio. E' nata l'Agenzia Turismo Bergamo per cui dobbiamo ringraziare la Camera di Commercio. Ora il disegno è stato costruito, dobbiamo rafforzarlo e andare avanti per la strada intrapresa. Non dimentichiamoci che ci sono le grandi opere che faciliteranno il raggiungimento delle Valli, il progetto che riguarda San Pellegrino e i grandi comprensori. Dobbiamo essere in grado di offrire servizi adeguati ai turisti, se riusciremo in questo porteremo a casa un risultato importante”.

(31.10.2006)